Un PATTO contro l’indifferenza

Noi lucani ospitali e solidali da sempre non potevamo certo immaginare, che, quasi per incanto e nel giro di qualche giorno, ci saremmo ritrovati al centro della “globalizzazione dell’indifferenza” tanto denunciata da Papa Francesco.

Una indifferenza che ci accomuna alle fredde e xenofobe città del Nord padano.

Qualche giorno fa ha fatto molto scalpore il pestaggio ad un quindicenne indifeso.

Una spedizione punitiva di un branco di otto ragazzi nel pieno Centro Storico di Potenza, tra l’indifferenza di tanta gente, intenta a strusciare e tanto  distratta e nel  silenzio assordante degli addetti ai lavori e delle Istituzioni Comunali e Regionali.

“Cives” potentini distratti e troppo intenti  a “raccontare ” la prima “tranches” di vacanze marateote o esotiche.

Per il ragazzo pestato a sangue che cerca riparo in un tabacchino è riservata solo tanta insensibilità e tanta indifferenza.

Mai ci saremmo aspettati tanto cinismo dai potentini di Via Pretoria.

Questo cinismo e questa indifferenza che,purtroppo, ci assale ogni anno e  ci fa vergognare di essere lucani.

Mi riferisco al sermone annuale che  dedichiamo alla stagione della raccolta del pomodoro.

Fra qualche giorno si ripeterà lo strazio biblico della nuova ondata di immigrati extracomunitari: “Ondata nera” che raggiungerà i territori del Vulture Alto Bradano  e del Metapontino.

Sono in maggioranza stagionali con semi/regolari permessi di soggiorno.

Sono sparsi in  case diroccate e spazi che rasentano  l’invivibilità.

E’ uno dei momenti clou della ennesima ” inciviltà “lucana.

La scheda televisiva della Rai Basilicata, dedicata all’argomento, parla di “Mancata Accoglienza”.

Tutto ciò   solo per “sancire”, ancora una volta, il disagio degli extracomunitari  dediti alla “campagna” del pomodoro.

Tanta brava gente che raggiunge la Basilicata con un solo obiettivo: “LAVORARE”.

Stagionali in cerca di qualche euro senza alcuna protezione sociale.

Conviviamo con queste stagioni particolari,come sempre, nella totale indifferenza.

Siamo lucani, siamo duri, non amiamo il permissivismo.

Siamo tanto finti solidali e siamo  poco propensi all’integrazione.

Qualche volta sconfiniamo pure  nel pregiudizio.

Un po’ del nostro cinismo e un po’ del nostro egoismo, non ci hanno  mai permesso di fare una  seria analisi, una seria  ricerca e un  serio approfondimento su questi lavoratori.

Lavoratori che,  con il loro duro e immane  lavoro, danno la possibilità alla Basilicata  di essere al centro di una politica agroindustriale nazionale  e, soprattutto, di essere  presenti e di entrare  dalla porta principale, nei veri  circuiti produttivi.

Un serio piano per l’agrindustria lucano non è ancora  decollato.

Una marea di sagre e  una marea di mostre di natura enogastronomica, con tante perfomances di “prodotti tipici”, non vanno oltre le nicchie di mercato, già consolidate.

Forse la sola campagna del pomodoro ci fa raggiungere una dimensione di scala adeguata ad una economia globale.

Forse la sola campagna del pomodoro ci fa capire che le persone umili e  perbene non fanno notizia.

Questo intervento  nasce dall’esigenza di superare pregiudizi di sorta e di dare un po’ di attenzione a lavoratori che la meritano davvero.

Una particolare attenzione ad un “microcosmo” che, ogni anno, puntualmente, ci aiuta a “contare” di più  in un processo economico che segna il passo, da troppo tempo.

Un processo economico/produttivo  che dovrà crescere con le presenze di questi seri immigrati, che raggiungono  le nostre terre ,senza clamori e senza  battages pubblicitari.

Per queste ragioni dobbiamo stabilire un PATTO tra  lavoratori  immigrati e noi lucani di buona volontà, nel rispetto delle regole e delle identità.

Dobbiamo  far crescere una “nuova politica di integrazione” che si deve cibare   di  fatti e atti concreti e non di “demagogie” senza costrutto.

Dobbiamo ADOTTARE, come, famiglie del Vulture,  un lavoratore extracomunitario per il periodo della stagione del pomodoro e consentire loro un soggiorno civile e umano.

Sono lavoratori di grande dignità e di grande onestà  che arrivano nel nostro Vulture in punta di piedi e nel silenzio assoluto.

Vanno via come nuvole che si diradano nel cielo nella nostra totale indifferenza.

Del resto Papa Francesco ci ha ammonito con la sua ultima “stoccata” lampedusiana:

“Se una società libera non riesce ad aiutare i molti che sono poveri,non riuscirà mai a salvare i pochi che sono ricchi”.

Mauro Armando TITA

90
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Il mio Paese.
Buona Notte
Il mio Paese. Buona Notte
2 giorni fa
View on Instagram |
1/9
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia".
📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina
RUVO DEL MONTE
#imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia". 📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina RUVO DEL MONTE #imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
3 giorni fa
View on Instagram |
2/9
19 Giugno 2022
‼️ corpus domini
L'infiorata lungo il Corso Italia.
Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
19 Giugno 2022 ‼️ corpus domini L'infiorata lungo il Corso Italia. Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
1 settimana fa
View on Instagram |
3/9
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv" Buongiorno.. "Questo è il mio paese"
2 settimane fa
View on Instagram |
4/9
‼️ La cultura non divide
Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen 
#scuola #cultura #story
‼️ La cultura non divide Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen #scuola #cultura #story
3 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buona Festa della Repubblica.
" il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
Buona Festa della Repubblica. " il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
3 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Prima - Dopo
Ruvo del Monte
Prima - Dopo Ruvo del Monte
4 settimane fa
View on Instagram |
7/9
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa."
Buongiorno
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa." Buongiorno
4 settimane fa
View on Instagram |
8/9
Questo è il mio Paese"
Buongiorno.
#piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
Questo è il mio Paese" Buongiorno. #piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
1 mese fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11