Le riflesssioni di un Sociologo di Strada sulla Fase 2 della Scuola lucana… tra allievo “metropolitano” e allievo di periferia.

Si sono susseguite tante belle riflessioni sulla Scuola e sui bimbi in casa catapultati in una quarantena spropositata.
Scarne le riflessioni  sulla Fase 2 della Scuola Lucana.
Nessuno ha mai  posto l’attenzione tra l’allievo “metropolitano” e  l’allievo di periferia.
Tranne qualche timido post su Facebook il silenzio sull’argomento  regna sovrano.
Su quali basi la Scuola lucana riprenderà la sua normalità “didattica”.
Ricordiamo tutti  i debutti di  Franceschini e Veltroni , come Segretari del PD ,… da Barbiana, Barbiana, un simbolo, un modello di una scuola  che include, non esclude e che  integra.
Un presagio per lo stupendo libro “Lettera a una professoressa” di don Lorenzo Milani.
Non un progetto di riforma ma una testimonianza che chiudeva  per sempre con la Scuola nozionistica post bellica.
Nella Fase 2  pretendiamo una Scuola lucana  autentica,  di grande spessore morale e valoriale.
Una Scuola che non premi le élite, ma, ricrei quel comportamento virtuoso che acceleri i “picchi” dell’equità e dell’uguaglianza terribilmente ignorati  da questa quarantena ingiusta.
Quante riflessioni amare abbiamo fatto in questi giorni sugli strumenti didattici e informatici assenti nei nuclei familiari meno abbienti, senza tablet, senza connessioni e senza spazi abitativi congeniali , con genitori poco scolarizzati  impossibilitati a dare  “l’aiutino” dovuto ai loro figli.
La Fase 2 , purtroppo, accentuerà  queste patogene differenze e per dirla  alla Luciano Gallino costruirà nel prossimo futuro una Scuola lucana  a due velocità.
Sono queste le ragioni che imporranno l’applicazione della discriminante positiva del “ dare di più a chi ha di meno”.
Discriminante positiva  che cozzerà  con i Programmi ministeriali da completare, lasciando gli ultimi nella vana rincorsa dell’acquisizione dei crediti formativi mancanti.
Sono interrogativi che gli addetti ai lavori  devono  porsi per non creare nei prossimi anni  una Scuola lucana “differenziata” (chi non ricorda la Scuola Aurora per “fanciulli deficienti” di Torino) con una parte consistente  di allievi destinata ad un avvenire di irrimediabile esclusione.
Come sarà inevitabile e  fatale il  risultato della “quarantena”  porterà   disuguaglianze crescenti.
Come sempre avvenuto in questi ultimi decenni  le differenze sociali  non determineranno proteste sociali rilevanti perché si innescheranno immediatamente processi di autocolpevolizzazione.
Quanti saranno gli allievi di periferia che  arrancheranno  faticosamente?
Questo “effetto depressivo”  impedirà  ogni loro progetto di miglioramento.
Caro direttore ritorneremo quasi per incanto alla vecchia Scuola pre- Barbiana che non solo escludeva ma anche persuadeva l’escluso della giustezza e dell’inevitabilità dell’esclusione.
L’istruzione, lo voglio ricordare a dirigenti scolastici e professori lucani è un bene in sé  ed è condizione ineluttabile per l’esercizio del diritto di cittadinanza.
Diritto di cittadinanza e art. 43 della Costituzione  vilmente calpestati con processi terrificanti di privatizzazioni e liberalizzazioni selvagge portati avanti con una brutalità senza precedenti negli ultimi venticinque anni sia  nell’economia, sia nella Scuola, sia  nella Sanità.
(con annesse  ipocrite e inaccettabili “lacrime di coccodrillo” odierne).

Armando TITA

170
0

Post Correlati

Categorie

Instagram

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11