Insetti a tavola? No, grazie! Perché, secondo Moleschott e Feuerbach, l’uomo è ciò che mangia.

15

28.03.2023

Quando gli antichi buongustai romani coniarono il famoso motto “de gustibus non est disputandum”, non potevano certo immaginare che, a distanza di qualche millennio, in Europa (nei territori conquistati, e in Italia), ci sarebbe stata una campagna pubblicitaria martellante per promuovere gli insetti a tavola: gliècch! E non si tratta di uno scherzo goliardico, perché l’Unione Europea fa sul serio, sotto la spinta degli interessi angloamericani a soppiantare la gloriosa ed appetitosa “dieta mediterranea”: l’unica al mondo a deliziare veramente le papille gustative del dolce e del salato dei sapiens non solo europei. Per la verità, i primi tentativi di farci passare letteralmente la fame, a noi italiani, risalgono ad alcuni lustri fa: chi non ricorda la torta di lombrichi confezionata negli studi televisivi di “Portobello”, di Enzo Tortora? Poi vennero: la soia, il mais, ed il grano transgenici, imposti al mondo dalle americane Dupont e Monsanto, col pretesto di eliminare la fame nel mondo, facendola invece aumentare. Ed ancora: i polli ed i bovini ingrassati con gli estrogeni, che stanno moltiplicando le neoplasie in tutti i Paesi “carnivori” soggiacenti alle multinazionali del fast food e del Junk food. Insomma, come se non bastasse la sudditanza culturale, politica e militare, ora si è aggiunta anche quella gastronomica. E allora, dopo la “mucca pazza” britannica, via libera alla bistecca sintetica e al cibo Frankenstein, a dimostrazione della nostra crescente esterofilia alimentare, stimolata con sistemi subdoli e messaggi subliminali, confezionati ad hoc per convincere i poveri calandrini ed i laureati all’Università della Beozia. L’abbandono della dieta mediterranea, nostra identità culturale, ci pone di fronte ad incognite dannose, in primis per la salute e in secundis per l’economia agro-industriale del nostro Paese, patria indiscussa della migliore cucina al mondo, ora minacciata dagli alimenti costruiti nei biolaboratori americani (e anche da noi). E tutto ciò accade mentre in Occidente, parallelamente e paradossalmente, va molto di moda il cosiddetto “Italian sounding”: imitazione di alimenti italiani a marchio DOP, fatti passare per originali, tramite etichettatura falsa ed ingannevole, a danno dei nostri prodotti d’eccellenza: formaggi, salumi, pasta, pelati, vini etc. Quindi, al danno si unisce, indissolubilmente, la classica beffa. E, grazie al diabolico Nutri-score francese, quando non si riesce ad imitarli, si mette in etichetta che sono “cancerogeni”, come ha fatto la piccola Irlanda sul vino italiano, ossia il bove che dice cornuto all’asino, visto che tale Paese nordico, tutt’altro che sobrio, è noto per produzione e consumo ad libitum di cocktails a base di birra e liquori a forte gradazione alcolica. In questo mondo alla rovescia della società contemporanea, liquida secondo Bauman, e gassosa per Kesselgross, dove si cambiano facilmente e velocemente: partito politico, gusti, sesso etc., avvertiamo l’obbligo morale di consigliare il rispetto per la natura, in tutte le sue forme ed espressioni, onde evitare spiacevoli sorprese nutrigenomiche e nutrigenetiche. Lasciamo dunque: cavallette, scarafaggi, lombrichi, grilli etc. ai loro predatori naturali di elezione e cerchiamo di non avere grilli per la testa o, peggio ancora, a tavola, perché, come diceva  Feuerbach, riassumendo Moleschott: “L’uomo è ciò che mangia”(sic!). Spieghiamolo alla Commissione Europea, che, anziché occuparsi del “caro bollette” e della ricollocazione dei profughi afro-asiatici, ha finanziato l’Olanda ed altri Paesi comunitari, con milioni di euro, per sperimentare e promuovere l’alimentazione proteica (farine e fritture) a base di insetti repellenti che, oltre a stimolare conati di vomito, “fanno tremare le vene e i polsi” già solo a nominarli.

Per favore, difendiamo almeno la nostra sovranità alimentare, dalla perversione, e lasciamo che simili “prelibatezze” le mangino solo i loro propugnatori! Noi, cari connazionali, non abbassiamo la guardia; non facciamoci sottrarre anche il piacere della tavola (sennò che piacere è?); bandiamo queste mode stomachevoli! E per Pasqua, chi può, sacrifichi il tipico agnello lucano, accompagnato possibilmente da un buon bicchiere di vino aglianico del Vulture! Prosit anche al famoso Grillo parlante!       

      

  Prof. Domenico Calderone    

       

478
15

Post Correlati

1 Risposta
  1. Giuseppe Giannini

    La brama capitalistica non conosce freni. La fase attuale, cd. antropocene, è quella che vede l’uomo in grado di dominare la natura. Ciò implica inevitabilmente degli sconvolgimenti sugli ecosistemi. Tropicalizzazione del clima e migrazioni forzate di specie animali sono solo alcuni degli effetti. E poi ci sarebbero i virus. La globalizzazione economica ha dimostrato come nell’ultimo quarto di secolo chi comanda sono le corporation. Un insieme di paradossi: dalle lobby della carne in Brasile agli ogm di nuova generazione, sino all’autorizzazione all’uso di pesticidi e altri prodotti chimici come il glifosato, autorizzati da trattati di cooperazione come il CETA o il TTIP. Il settore dell’agrobusiness è cosi potente da imporre le sue scelte. La Bayer si fonde con la Monsanto, fondi speculativi e miliardari come Bill Gates investono nel settore (gli stessi che guarda caso hanno fatto profitti durante la pandemia), e cosi si arriva a tecniche di bioingegneria in grado di bombardare le nuvole per portare la pioggia nelle zone aride, fino a creare la melanzana che resiste ai parassiti. Gli insetti dovrebbero sopperire all’accesso ineguale del cibo nel mondo? A parte il fatto che già adesso sono in circolazione negli alimenti (yogurt e bevande gassate) il problema riguarda il cambiamento di modello di sviluppo. La presidente del consiglio italiano famosa per il vocabolario ristretto a termini come “diciamo” e “360 gradi”, dall’alto delle sue competenze confonde il sovranismo con la sovranità alimentare, e si muove in direzione del primo, attraverso un autoritarismo statale ma sempre nell’orbita degli interessi del liberismo economico.La sovranità alimentare, invece è quella che mette al centro le tipicità delle produzioni e delle colture dei luoghi, ed è da una vita che attivisti come Vandana Shiva, Serge Latouche o Carlo Petrini si battono contro le politiche dei brevetti e i diritti dei contadini. Un ultimo aspetto per quanto riguarda le etichettature. Gli egoismi dei produttori industriali, in Francia, in Irlanda o da noi la Ferrero hanno il solo fine di alterare la discussione. Infatti, per loro non si tratta di preservare le tradizioni o la varietà dell’apporto calorico di una alimentazione sana, ma cercare di continuare a fare pressione nei parlamenti nazionali e comunitario. Per cui, al momento il modello inglese del semaforo o quello francese che si basa sul valore nutrizionale sono da preferire, perchè non parlano di boicottare determinati prodotti, ad es. il prosciutto di Parma, come ci vogliono far credere i sovranisti nostrani, a loro volta legati ad alcune lobby, ma vogliono semplicemente metterci in guardia da un uso eccessivo di prodotti sani ma ipercalorici.

Lascia una Risposta

Categorie

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie