Il nuovo volontariato in Basilicata e una nuova “etica” per la partecipazione e il tempo libero

Ho approfondito con un certo interesse le “lettere” del Governatore agli Assessori.

Dopo oltre un decennio ho trovato spunti e approfondimenti che sono stati oggetto di tante nostre riflessioni.

Un dibattito serrato che va in quella direzione coinvolgente e partecipativa da noi tutti agognata.

Insospettiscono, purtroppo, le leggi ad personas e le nomine dirigenziali (sulle quali regna sovrano il famoso gioco dei quattro cantoni) noiose e stucchevoli come sempre.

Non è il momento di fare sarcasmo e ironia. Abbiamo tante emergenze e tante incompiute tra le quali quella delle politiche occupazionali dei giovani.

Ai tanti smemorati lucani va ricordato il coordinamento nazionale delle Politiche Giovanili dell’ANCI  tenuto qualche anno fa nel Teatro Stabile di Potenza e organizzato dal Coordinamento lucano degli Informagiovani guidati da Vito Telesca.

Non va sottaciuto il Seminario Transnazionale sulle politiche inclusive giovanili organizzato dall’IREFORR di Potenza presso il Castello Pirro del Balzo di Venosa.

Avere avuto  tanta attenzione da parte di Organismi importanti come ANCI e U. E. sulle politiche giovanili  lucane, stava a significare che in Basilicata erano maturate nel recente passato belle  esperienze di best practices che non sono passate mai  inosservate ai diretti Osservatori Nazionali ed Europei.

Ci eravamo  dotati di strumenti di partecipazione e regolamenti che tutti ci invidiavano.

A tal proposito riprendere lo sperimentato e positivo (in termini occupazionali) vecchio percorso fondato sulle vere politiche attive del lavoro, bruscamente, interrotto dall’ibrido e  incolore processo dell’occupabilità posto in essere dai P.O. R. di ultima generazione.

A tutto ciò fa da contraltare lo  scarso entusiasmo giovanile, definito “timidezza lucana” da Roberto Speranza.

Queste belle performances lucane unite al “biglietto di ritorno” pittelliano  potrebbero favorire l’Associazionismo e il volontariato finalizzato alla seria occupazione giovanile.

Il Volontariato in Basilicata non è più una forma assistenziale è vero e moderno welfare. Chiedetelo  al CSV per maggiori informazioni.

Questo nevralgico settore cresce a dismisura in Basilicata. Cresce, soprattutto, l’impegno verso questa ricca e plurale eterogeneità coniugata con l’etica della partecipazione.

I giovani, come sosteneva qualche anno fa, il Presidente Napolitano sono gli unici capaci di  sprigionare una vera “energia pulita”.

Non a caso, “Identità e democrazia” sono stati  i nuovi valori e il nuovo “credo” nei quali i giovani lucani ancora oggi (l’esempio della folta partecipazione alla Kermesse della Camusso qualche giorno fa lo sta a dimostrare) si rispecchiano fedelmente.

La “Rete e il  Contesto” di questi ultimi anni completano il quadro di riferimento e rappresentano i nuovi  “strumenti di partecipazione”, di “educazione al dialogo” e di concreta realizzazione di una “nuova politica del tempo libero”.

La conferma di tali “novità” è avvalorata anche dalla crescita esponenziale dei Forum  dei Giovani.

Un vero successo di partecipazione per un profondo  cambiamento dei “ragazzi” lucani.

Tali Forum  rappresentano la prima vera forma di contestualizzazione degli “avvenimenti” giovanili.

Tale contestualizzazione non è determinata unicamente dal vecchio e fallimentare  Patto con i Giovani, ma, da una irrefranabile voglia di partecipazione, forte, condivisa e supportata da veri “ideali “.

Le concrete proposte poste in essere dai giovani lucani  non sono più dei meri “chiffons de papier”.

Abbiamo constatato che la partecipazione, quella agognata da tanti ragazzi, rappresenta un impegno continuo e costante.

Un impegno che incide in maniera  visibile e palpabile, sulle coscienze morali e civili dei futuri cittadini lucani.

Tanti sono gli esempi, quante volte abbiamo citato il Gruppo Abele di don Ciotti con le sue articolazioni territoriali e l’Associazione LIBERA di don Marcello Cozzi.

Sono associazioni tra le più seriamente impegnate che non amano i progetti a “forte impatto dirigista”.

Nei mesi scorsi ci siamo spesi  a riproporre tante “istantanee” sul “pianeta giovani” della Basilicata.

Tutti siamo parzialmente ottimisti.

Tutti vogliamo scommettere ed investire sui giovani e sulla rete dei Forum.

Questa nuova percezione/visione del contesto giovanile lucano ha individuato nella vera  partecipazione dei giovani una nuova latitudine storico/sociale.

Esserci e organizzare attività di gruppo e di tempo libero, stare bene insieme, portare avanti  progetti condivisi, con impegno e molta volontà.

Una scelta e una “vera opzione politica” che parte dal “basso”.

Non può essere,  infatti, un’indagine conoscitiva, Un Patto o un Piano per le Politiche Giovanili, a dare seri riscontri alle problematiche e alla  fragile condizione dei ragazzi lucani.

“La società adulta”  non può, in alcun modo, continuare sul “vecchio adagio”, elaborando progetti e proposte, sulla base delle “sue” percezioni.

Onestamente, ci si è convinti che è meglio attivare una rete, direttamente gestita dai giovani, che continuare a relegarli in posizione di “oggetto di ricerca”.

Attivare una rete comporta comunque un serio approfondimento.

Non a caso la rete  del Volontariato  potrebbe influenzare comportamenti sociali e differenti interpretazioni che potranno a loro volta generare nuovi profili giovanili.

La rete del Volontariato può moltiplicare nuovi linguaggi, aspettative, valori e inquietudini che la società adulta lucana non ha ancora seriamente analizzato e dibattuto.

Questa rete può condizionare una società come quella lucana parzialmente “defuturizzata” può aprire al  “dialogo tra i giovani”  potrebbe sconvolgere gli attuali  assetti organizzativi.

Potrebbe  addirittura far rientrare  dalla profonda crisi una intera “nuova generazione”.

Una profonda crisi che attraversa da troppo tempo  il “modello  economico lucano”.

Un modello economico che sembra voler  far pagare l’attuale  fase congiunturale  all’intero corpo sociale  delle giovani generazioni.

La rete può invertire l’attuale  tendenza, comune  a tanti giovani lucani, pronti a “emigrare” senza indugi e  senza tentennamenti.

La rete dei  Forum del Volontariato ha anche questo “improbo” compito di superamento della società “dell’estraniazione”.

Le cause  non vanno rintracciate solo nella domanda di democrazia e identità dei giovani lucani del tutto inespressa e da troppo tempo inevasa.

Se i “poteri”  locali  terranno i giovani, ancora oggi,  fuori dai cancelli istituzionali, frustandoli nella loro voglia di poter contare e decidere, il loro comportamento non può che assumere toni di disimpegno, nei confronti dell’etica della partecipazione, rifluendo, senza scampo, sulle “spiagge dell’indisponibilità”, del rifiuto e dell’emarginazione.

La risposta comune  alla condizione dell’estraniazione del giovane lucano non può che essere quella del riflusso, del ripiegamento privatistico ed intimistico.

“Ripiegamento privatistico e riflusso che, in Basilicata, ha avuto connotazioni patogene, dopo la bellissima e confortante stagione di Scanzano Jonico.

Se vi è stato un negativo e deludente post-Scanzano, se vi è stato un negativo riflusso giovanile, fortemente recettivo ai richiami massmediologici e dell’evasione, lo si deve, soprattutto, alla insensibilità delle fameliche filiere partitocratiche lucane e dei Partiti, troppo presi, dalle varie tornate elettorali.

Un riflusso che non  è stato in grado di riannodare i fili della identità giovanile, e, soprattutto, non ha  avuto più alcuna percezione/visione della società lucana contemporanea.

Tutto ciò ha concretamente prodotto  il “disimpegno e la deresponsabilizzazione”, con  un sempre più manifesto”divorzio dalla realtà”.

Per queste serie ragioni confidiamo nel Volontariato,nell’ Associazionismo e nel  Biglietto di ritorno pittelliano come panacee immediate al disagio giovanile.

Disagio giovanile che non può più nutrirsi di egoismi e/o  di disimpegni, ma, deve riprendere il vecchio percorso degli anni settanta con le belle e vincenti  sfide alla “rassegnazione” coltivate dalla “meglio gioventù” lucana.

mauro.armando.tita@alice.it

82
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Il mio Paese.
Buona Notte
Il mio Paese. Buona Notte
6 giorni fa
View on Instagram |
1/9
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia".
📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina
RUVO DEL MONTE
#imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia". 📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina RUVO DEL MONTE #imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
1 settimana fa
View on Instagram |
2/9
19 Giugno 2022
‼️ corpus domini
L'infiorata lungo il Corso Italia.
Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
19 Giugno 2022 ‼️ corpus domini L'infiorata lungo il Corso Italia. Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
2 settimane fa
View on Instagram |
3/9
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv" Buongiorno.. "Questo è il mio paese"
3 settimane fa
View on Instagram |
4/9
‼️ La cultura non divide
Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen 
#scuola #cultura #story
‼️ La cultura non divide Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen #scuola #cultura #story
3 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buona Festa della Repubblica.
" il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
Buona Festa della Repubblica. " il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
4 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Prima - Dopo
Ruvo del Monte
Prima - Dopo Ruvo del Monte
4 settimane fa
View on Instagram |
7/9
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa."
Buongiorno
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa." Buongiorno
1 mese fa
View on Instagram |
8/9
Questo è il mio Paese"
Buongiorno.
#piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
Questo è il mio Paese" Buongiorno. #piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
1 mese fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11