Le polemiche via web e il nostro amaro risveglio

Mentre si litiga su Fb tra Lacorazza e Margiotta continuano a crescere i cassintegrati e i giovani disoccupati.

Dopo il caso Bridgstone di Bari speriamo che l’ultimo baluardo industriale lucano (Fiat e Barilla in primis) non demordano.

E’ inutile riprendere il discorso serio, ormai vanificato, sull’asticella di Speranza.

Il Presidente De Filippo considera il succeso grillino  episodico.

Lasciamo il campo Fiat nelle mani degli addetti (eterni cassintegrati) auspicando dopo secoli di oblìo e indifferenze più dialogo tra Marchionne e il territorio del Vulture.

Lasciamo a OLA e CSAIL (perchè lo sanno fare bene) le denunce sui barili e sulle opacità molto ambigue dell’ENI.

Saccheggiare il territorio e umiliare le popolazioni della Val d’Agri con le briciole delle royalties è sudditanza congenita.

La taumaturgia merovingia in Basilicata non esiste.

A Roberto consiglierei di far tesoro dei suggerimenti del saggio padre Michele.

Dopo il caso del DG Viggiano ci fa riflettere seriamente  il ruolo dei pochi oligarchi di Basilicata.

Oligarchi che operano nell’oblio di sempre con buona pace di un popolo sempre più ignaro e sempre più bue.

La Massa critica non è mai decollata e,purtroppo, sta già evaporando, nonostante i grillini lucani.

Un tema (quello sulla massa critica) seriamente dibattuto su Controsenso negli anni scorsi.

Quante volte nei nostri approfondimenti abbiamo parlato del silenzio dei buoni e della sopita “Questione dirigenziale” lucana.

Classe dirigente, tanto discussa, quanto suffragata da politica politicante e pensiero unico.

La stampa lucana, dobbiamo ammetterlo, non si è mai seriamene  soffermata sulla vera  malattia che affligge la classe dirigente  lucana  (troppo succube dei politici)e sul  suo  mancato (da sempre) diritto/ dovere di dare conto supportato da una stampa non prezzolata, ma, terzista che è chiamata a   formare  una nuova opinione pubblica lucana e che non si ciba di alcun tipo di zavorra.

Controsenso deve continuare ad  imbarazzare i poteri forti e deve  confermare il pensiero di Walter Lippmann e di Montanelli: “Compito di formare una seria opinione, cosa che spetta all’informazione in quanto mezzo che mette il cittadino a contatto con l’ambiente che sta fuori del suo campo visuale…i nostri lettori restano i nostri padroni” .

La malattia non è solo lucana,  è italiana, anzi, sono tante le democrazie  alle prese con un’informazione che fallisce  la prova, che al cittadino non rende visibile l’invisibile, che dal potere politico si fa dettare l’agenda, le inquietudini, gli interessi prioritari.

Che è vicina più ai potenti e alle lobbies che ai lettori.

Che alimenta il clima singolare che regna oggi nelle democrazie come se vivessero un permanente stato di necessità, di guerra dove si sospendono per conformismo, libertà e autonomia.

A tal proposito, chi come noi aveva apprezzato lo stupendo approfondimento  sull’autonomia  pronunciata  in consiglio regionale, qualche tempo fa, dal Presidente  De Filippo,  non fa parte di quella schiera giornalistica affascinata dal conformismo del potere e da riverenze esagerate.

Noi siamo  per la dignità e per il dare conto a quell’opinione pubblica che critica e ragiona, e, che, soprattutto, reagisce e si indigna.

Non abbiamo mai amato lo ribadiamo fino alla noia, il popolo bue e le masse pecorili.

Per queste ragioni apprezziamo, ancora oggi,  quel  bel discorso sull’autonomia  del Presidente a condizione che ci siano riscontri concreti alle parole.

Era  la prima volta che un discorso di spessore del Governatore De Filippo richiamava l’opinione pubblica lucana e i partiti alle proprie responsabilità.

Responsabilità fatte di proposte e di impegno concreto, di serietà e di coerenza.

Su queste basi dovremo iniziare a lavorare  per fabbricarci gli anticorpi che mancano.

Da anni sosteniamo con argomentazioni serie che la Regione lucana non ha ancora “esperito” e sperimentato  i veri anticorpi.

Si naviga a vista e non si previene.

L’Ambiente, il Petrolio, la Quinta mafia, le Concessioni svendute su Acque e Cave  (altro serio problema lucano), la Povertà i giovani disoccupati , le crisi strutturali industriali con le mai avvenute dismissioni, le morti bianche in agricoltura  sono atavici problemi che  non sono stati  mai seriamente aggrediti.

Manca  da decenni una vera e seria  programmazione economica che possa dare il giusto ruolo ai Sindaci  della Val  d’Agri.

Attendiamo da qualche secolo  un dibattito serio su  un Piano industriale, su un Piano energetico mutuati da compensazioni concrete e non umilianti.

Attendiamo da secoli  una vera  politica industriale che parta dalle  aree dismesse  industriali.Purtroppo, le nostre denunce  e i nostri SOS sempre arricchiti da concrete proposte  sono  sempre più dispersi nel vuoto.

Vogliamo più autonomia  e più peso politico per dare qualche lumicino di speranza in più a tanti giovani trentenni  che hanno a cuore le sorti della regione. Siamo stanchi di uomini politici mestieranti della politica, poco professionalizzati.

Ci vogliono uomini e donne vere  con gli attributi giusti  che sappiano coniugare bene anche “federalismo e risorse endogene”.

Siamo stanchi di colonizzatori e colonnizzati interni.

Vogliamo governi e ministri con onestà intellettuale e non facili demagoghi.

Vogliamo che queste battaglie non siano solo il frutto di meri dibattiti provocati dalla Stampa locale o dall’isolato opinionista di Controsenso.

Vogliamo che le Giovani Generazioni scendano in Piazza per il loro futuro e, soprattutto,  per  costruire insieme ” dignità e autonomia “, prima di tutto.

Altre promesse e altri demagogici annunci non costruiscono alcun serio tessuto connettivo e  lasciano invariato il contesto sociale e politico lucano dominato ancora dagli eterni di sempre nonostante il successo grillino.

Che amaro risveglio.

mauro.armando.tita@alice.it

81
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Il mio Paese.
Buona Notte
Il mio Paese. Buona Notte
2 giorni fa
View on Instagram |
1/9
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia".
📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina
RUVO DEL MONTE
#imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia". 📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina RUVO DEL MONTE #imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
4 giorni fa
View on Instagram |
2/9
19 Giugno 2022
‼️ corpus domini
L'infiorata lungo il Corso Italia.
Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
19 Giugno 2022 ‼️ corpus domini L'infiorata lungo il Corso Italia. Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
1 settimana fa
View on Instagram |
3/9
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv" Buongiorno.. "Questo è il mio paese"
2 settimane fa
View on Instagram |
4/9
‼️ La cultura non divide
Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen 
#scuola #cultura #story
‼️ La cultura non divide Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen #scuola #cultura #story
3 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buona Festa della Repubblica.
" il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
Buona Festa della Repubblica. " il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
4 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Prima - Dopo
Ruvo del Monte
Prima - Dopo Ruvo del Monte
4 settimane fa
View on Instagram |
7/9
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa."
Buongiorno
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa." Buongiorno
4 settimane fa
View on Instagram |
8/9
Questo è il mio Paese"
Buongiorno.
#piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
Questo è il mio Paese" Buongiorno. #piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
1 mese fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11