Lagopesole – A.S.D. Ruvo 0-0 (2011-2012)

LA FINE DI UN INCUBO

Servizio di Roberto Di Napoli e Piero Mira

LAGOPESOLE: Sabato M., Pace V. (dal 21° s.t. Di Carlo N.) , Possidente A. (dal 16° s.t. Genovese A.), Telesca M., Coviello T., De Luca D., Romaniello I., Pace D., Alfonso W., Marriciano G., Pace A. (dal 28° s.t. Lucia D.)
A disposizione: Sabia D., Mecca A. R., Samtarato P. P., Petruzzi G.

A.S.D. RUVO: Rosamilia L., Masini G., Grieco V., Coppola M., Turri P., Tomasulo E., Tita G. (dal 39° s.t. Marino F.), D’Andrea N., Giglio L., Annunziata M. (dal 28° s.t. Scura C.), Santoro P.

ARBITRO: sig. Giulio D. Cauzillo (Sez. di Potenza)

AMMONITI: Marriciano, Pace D., Possidente, Telesca, Lucia, Di Carlo (Possidente); Santoro, Scura e Giglio (Ruvo)

Alcune immagini dell’incontro
(Cliccare sullo foto o sulla scritta per ingrandire)


Gli undici leoni

L’arbitro

La scelta del campo

Il saluto tra gli atleti

La rete annullata al Lagopesole

Uno degli assalti finali

Un finale di campionato così neanche Hitchcock l’avrebbe immaginato, ma alla fine il Ruvo riesce a permanere in Prima Categoria senza dover passare per la roulette dei play out.

Nella prova più difficile e contro una diretta concorrente che aveva tutto l’interesse a vincere per salvarsi disputando i play out, e che si era rinforzata notevolmente nel girone di ritorno, il Ruvo mette fuori l’orgoglio e conquista un preziosissimo 0-0 che gli permette di restare di diritto in Prima Categoria.

Difatti la penultima, il Sant’Angelo , dista più di dieci punti e quindi il play out non si disputerà, così come non si disputerà l’altro play out e quindi anche gli amici dell’Albatros sono salvi matematicamente.

Nelle premesse ad aggravare la situazione c’erano state anche le dimissioni di mister Grieco, che ha voluto catalizzare su di sé tutte le colpe per questo imprevedibile ed incredibile finale di campionato, con squadra affidata all’esperto Mirco Annunziata, e che, sicuramente, con questa mossa ad effetto ha voluto dare uno scossone alla squadra, apparsa nelle ultime uscite abulica, senza mordente, come se nulla si potesse fare contro un avverso destino.

E la scossa c’è stata, tanto più che il senso della mossa del mister si è avvertito allorquando lo stesso si è visto sugli spalti ad incitare la squadra.

Impresa, quella odierna, che pareva ancor più improba dal momento che al cospetto di un Lagopesole “argentino” si è presentato un Ruvo ridotto ai minimi termini, causa numerose assenze che, a questo punto, non è opportuno citare, dando la meritata rilevanza a questi tredici leoni, dal più esperto sino al giovanissimo Scura, che hanno consentito all’undici rossoblu di meritarsi un posto in paradiso dopo tante sofferenze.

Sofferenze che si sono materializzate con un girone di ritorno da incubo, dove è stato sperperato il patrimonio costruito nel girone di andata, per cause non solo o non esclusivamente di natura tecnica.

I “sassolini”, però, si toglieranno dalle scarpe al momento opportuno in un successivo comunicato da parte della Società: adesso è giusto lasciare lo spazio alla gioia per questo risultato raggiunto tra innumerevoli difficoltà ed al cospetto di società ben più attrezzate, con risorse economiche e tecniche che a Ruvo del Monte ci possiamo solo sognare, e che hanno alle spalle rappresentanti delle Istituzioni locali che si prodigano per il bene e per il buon nome della loro Comunità sotto ogni aspetto, anche quello sportivo.

Venendo alla cronaca della gara , nel primo tempo il Ruvo imbriglia bene il Lagopesole che non riesce a pungere.

Solo due calci di punizione mettono qualche patema alla retroguardia ruvese:  al 20° dal limite dell’area, per un fallo di Giglio, Marriciano scheggia l’incrocio alla destra di Rosamilia, ed al 24° una punizione di Romaniello, sempre dal limite dell’area, finisce altissima sulla traversa.

Nel secondo tempo la partita continua sulla falsa riga del primo tempo: qualche azione sporadica da parte del Lagopesole è degna di nota.

Al 14° una rete viene annullata a Marriciano, pescato in millimetrico fuorigioco dall’arbitro.

Al 38° un cross dalla sinistra si trasforma in un pericoloso pallone che si avvia in rete con Rosamilia battuto, e solo un grande intervento di Masini ad un metro dalla porta evita la capitolazione, con pallone che si impenna sulla traversa e con il difensore che esulta come se avesse segnato la rete della vittoria.

Sulla susseguente azione di calcio d’angolo ancora Marriciano si rende pericoloso ed a due metri dalla porta tira tra le braccia di Rosamilia.

Al 43° l’ultima sofferenza: il nuovo entrato Di Carlo con una girata di sinistro manda il pallone a lambire il palo destro di Rosamilia

Alla fine di cinque interminabili minuti di recupero il direttore di gara fischia la fine; giusto qualche attimo per acquisire con qualche telefonata i risultati degli altri campi e poi finalmente l’incubo finisce e comincia la festa nello spogliatoio ruvese, festa che continuerà anche al rientro in paese assieme ai propri tifosi, molti dei quali hanno seguito la squadra anche a Possidente.

Tutti i “leoni” scesi in campo oggi sono stati grandi, e tutti senza distinzione possono essere indicati come il migliore in campo.

Nonostante tutto e tutti il Ruvo ce l’ha fatta, quindi: nonostante tante difficoltà, nonostante tanti problemi, nonostante tanti limiti, nonostante qualche “pacchetto” che anche in quest’ultima giornata è stato confezionato da qualche altra parte.

E nonostante tante false voci messe in giro da chi aveva interesse a coprire le proprie malefatte in mala fede con questa “fama sinistra” che si è voluta costruire ad arte sul calcio a Ruvo del Monte: giusto per un’ennesima smentita, a fine gara l’arbitro si è sentito in dovere di certificare quella che è la verità dei fatti facendo i complimenti al Ruvo per la correttezza dimostrata in campo.

E questo, dopo la salvezza conquistata sul campo, è il secondo “scudetto” conquistato dal Ruvo in questa stagione.

Adesso è tempo di festeggiare: più avanti sarà il tempo per tirare le somme, per dire ai tifosi (quelli veri) come sono andate le cose dietro le quinte, perché valutino le persone per quelle che sono, e per affidare la Società a nuovi volenterosi che l’abbiano a cuore.

Ruvo del Monte, 27 maggio 2012

Le foto dell’incontro
{morfeo 139}

106
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Il mio Paese.
Buona Notte
Il mio Paese. Buona Notte
3 giorni fa
View on Instagram |
1/9
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia".
📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina
RUVO DEL MONTE
#imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia". 📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina RUVO DEL MONTE #imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
4 giorni fa
View on Instagram |
2/9
19 Giugno 2022
‼️ corpus domini
L'infiorata lungo il Corso Italia.
Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
19 Giugno 2022 ‼️ corpus domini L'infiorata lungo il Corso Italia. Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
1 settimana fa
View on Instagram |
3/9
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv" Buongiorno.. "Questo è il mio paese"
2 settimane fa
View on Instagram |
4/9
‼️ La cultura non divide
Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen 
#scuola #cultura #story
‼️ La cultura non divide Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen #scuola #cultura #story
3 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buona Festa della Repubblica.
" il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
Buona Festa della Repubblica. " il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
4 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Prima - Dopo
Ruvo del Monte
Prima - Dopo Ruvo del Monte
4 settimane fa
View on Instagram |
7/9
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa."
Buongiorno
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa." Buongiorno
4 settimane fa
View on Instagram |
8/9
Questo è il mio Paese"
Buongiorno.
#piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
Questo è il mio Paese" Buongiorno. #piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
1 mese fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11