La prova muscolare del BUFO (Bubbico/Folino) nel “deserto” ambiguo di sempre

Dopo la prova muscolare del duo Bubbico Folino avrei preferito che il pachiderma bersaniano lucano  fermasse un po’ l’odio e il livore verso le altre componenti per avviare una seria UNITA’ del Partito Democratico.

Una seria unità che stride sugli scenari futuri ,sia politici che economici,  e, soprattutto, sul tanto criticato riciclaggio dei furbi di sempre.

Vogliamo scendere da questo gradino maleodorante e comprendere la portata delle dimissioni di De Filippo senza ipocrisie senza furbizie.

Sono conseguenze letali  che si pagheranno  certamente nell’immediato futuro.

E’ troppo semplice sparare su De Filippo e il suo entourage  dopo aver zittito per decenni sulle “sue”  singolari nomine dirigenziali e sulle gestioni opache di sottogoverno e di Società in house, come Sviluppo Basilicata, congelata e bloccata da oltre due anni.

Una società “ugolina”, per dirla alla Santoriello, con un amministratore unico ,prorogato sine die, e che  si limita a pagare profumatamente solo personale dirigenziale, docenze e consulenze, dimenticando le imprese, come sostenuto da Scelta Civica e altri.

Purtroppo il duo Bubbico/Folino non hanno mai  chiarito questo ambiguo rapporto con il Governatore.

In tutti questi poco trasparenti scenari futuri è stato del tutto dimenticato il Capacity Lab, sponsorizzato, perfino, da Barca.

A tal proposito i  bersaniani di Basilicata  sono in grado di fare una proposta seria e di attivare dopo anni di “deserto” occcupazionale un approccio sistematico e non approssimativo sui Fondi europei (FERS, FEOAG e FSE)?.

Una sana massa critica  bersaniana, presente massicciamente, in quel di Tito, è in grado di incalzare questa ambigua e  oligarchica classe dirigente sul futuro della Basilicata?

La partecipazione resterà un optional per i prossimi cinque anni o seguiremo i timidi suggerimenti (forse, opportunistici) di Lacorazza.

Giorni difficili  ci attendono. Giorni  difficili e complicati che ripropongono l’assenza di una vera e seria proposta politica e sindacale, di rispetto.

Il  sindacato lucano da quasi un ventennio non ha più la forza di  “abbozzare” una seppur minima proposta concreta.

Una proposta concreta tesa a dare respiro a normative regionali moderne e innovative e non a quelle esistenti, patogene e iperassistenziali, di lunga durata.

Dove sono finiti i Centri studi IRES e  similari.

Questo  disarmo politico e sindacale che, oggi, lo  avvertiamo, più, di ieri, dopo l’assalto alla diligenza del rimborso facile.

Un rimborso facile che si assomma all’ approssimazione e all’insipienza degli  assenti parlamentari  targati M5S.

Grillini che non riescono a essere  seria alternativa all’opaca sistema della partitocrazia lucana.

L’esempio delle mancate liste M5S in questa tornata elettorale di maggio e il flop di Lavello  confermano l’approssimazione e lo scarso radicamento sul territorio dei giovani grillini lucani.

Manca al M5S quel team professionalmente adeguato e competente che possa dare quelle risposte immediate allo stato emergenziale politico ed economico regionale.

Il bravo e coraggioso Tenente Di Bello non basta.

Resta emblematico il pastrocchio dei cassintegrati in deroga sui quali il M5S non ha mai fatto proposte concrete.

Se come da noi denunciato nei giorni scorsi l’ultima seria giornata di lotta sindacale con oltre diecimila lavoratori in piazza risale al lontano 30 novembre 2004 (sic!) una ragione seria ci deve pur essere.

Con queste amare premesse le ricadute economiche, politiche e sindacali  in Basilicata diventeranno terrificanti nei prossimi mesi.

Tutti i partiti che hanno sfornato politici di dubbia professionalità e competenza dovranno segnare il passo dopo aver “esodato” tanti talenti lucani.

A tal proposito non è mai stata fatta una seria  riflessione sui licenziamenti  del personale professionalizzato dell’EDS di Tito.

Come si crea una nuova govenance se si lasciano esodare tanti talenti?

Che ne pensa il duo Bubbico/Folino sull’atavica e secolare  “Figliopoli” sanitaria lucana.

Una fabbrica/laboratorio di figli d’arte che non ha mai consentito ai medici, fuori tribù, di emergere.

Su questa strana  governance sanitaria il Sindacato e le forze politiche hanno  sempre glissato.

Per queste ragioni la portata negativa di tale sciagurata conseguenza ripropone in Basilicata il tema della corretta informazione e della “conoscenza” dei fatti e degli atti sempre gelosamente custoditi dai burosauri dorotei (bianchi o rossi) di sempre.

Dopo le dimissioni irrevocabili di De Filippo ci chiediamo se  l’oligarchia di questi  burosauri regionali, iperbonificati e  iperstipendiati, devono  andare a casa  o potranno di nuovo riciclarsi?

Non c’è bisogno di richiamare grandi scenari per accorgersi empiricamente dell’assenza di qualsiasi forma di interventi  concreti finalizzati alla vera occupazione (che non c’è)  a favore dei giovani.

Anche osservando dal basso i processi istituzionali la sensazione di solitudine dei giovani lucani è del tutto evidente nonostante il successo del BUFO(Bubbico/ Folino).

Una solitudine emblematica che il CENSIS nei mesi scorsi  ha chiamato  “proliferazione” senza condensazione.

A tutto ciò va aggiunto il ruolo delle famiglie lucane che si sobbarcano la conduzione dei figli come unica fonte di reddito.

Famiglie lucane che si sono attivate per far vivere i loro figli in una società democratica e non oligarchica, fattiva e propositiva, e, non certamente, in un deserto di desolazione, come quello odierno.

Coltiviamo un  timido lumicino di speranza nel “secchione” Letta e nel suo dinamico staff, formato in prevalenza da ragazzi e ragazze del Sud (facenti parte della sua Associazione VEDRO’).

Con questi giovani si possono creare scenari politici  innovativi  i ntroducendo  il Capacity lab, e, soprattutto, isolando i  furbi e gli scaltri boiardi  di sempre.

Solo così si potranno ricomporre i ” mosaici ” della  “informale” economia lucana, frutto di assenze e di manchevolezze ultradecennali.

Se riuscissimo a mandare a casa, per dirla, alla  Vito Riviello, tanti “paraculi”, forse, la rifondazione (non quella comunista) quella  laica e progressista  potrebbe finalmente  avverarsi.

mauro.armando.tita@alice.it

88
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Il mio Paese.
Buona Notte
Il mio Paese. Buona Notte
4 giorni fa
View on Instagram |
1/9
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia".
📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina
RUVO DEL MONTE
#imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia". 📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina RUVO DEL MONTE #imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
6 giorni fa
View on Instagram |
2/9
19 Giugno 2022
‼️ corpus domini
L'infiorata lungo il Corso Italia.
Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
19 Giugno 2022 ‼️ corpus domini L'infiorata lungo il Corso Italia. Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
1 settimana fa
View on Instagram |
3/9
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv" Buongiorno.. "Questo è il mio paese"
3 settimane fa
View on Instagram |
4/9
‼️ La cultura non divide
Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen 
#scuola #cultura #story
‼️ La cultura non divide Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen #scuola #cultura #story
3 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buona Festa della Repubblica.
" il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
Buona Festa della Repubblica. " il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
4 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Prima - Dopo
Ruvo del Monte
Prima - Dopo Ruvo del Monte
4 settimane fa
View on Instagram |
7/9
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa."
Buongiorno
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa." Buongiorno
1 mese fa
View on Instagram |
8/9
Questo è il mio Paese"
Buongiorno.
#piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
Questo è il mio Paese" Buongiorno. #piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
1 mese fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11