La lotta di Santoriello e l’impegno concreto a ricercare un nuovo modello economico

Pubblicato in prima colonna sul Quotidiano dell’11 settembre

Carissimo direttore,
il senso della vita, dell’amicizia e della Giustizia non si trovano in fondo ai nostri ragionamenti ,ma, sempre, in fondo al nostro impegno.

Da anni ci sforziamo in questo “ginepraio” politico regionale   di tendere   al concreto  e al  “virtuoso”.

Il coraggio dimostrato da Giorgio Santoriello teso a dare dignità a un territorio stuprato e umiliato  è  ammirevole.

Giorgio con la sua “bravata” voleva farci conoscere i piani ingegneristici, i piani d’emergenza e l’esatta composizione chimica dei rifiuti trasportati su gomma  dal Cova al Tecnoparco.

Erano richieste giuste e scontate per una regione e un popolo che dovrebbe definirsi democratico.

Da anni sul Quotidiano assistiamo a denunce senza riscontri e ad ambigui vuoti informativi.

Qualche giorno fa un’altra amara scoperta, siamo agli ultimi posti nella graduatoria europea per indice di competitività.

Restiamo una regione maledettamente assistita.

Quanti appelli  del Quotidiano  che  si richiamavano a innovazione e competitività sono caduti nel vuoto?

Era una sorta di denuncia “sisifiana”. Volevamo una realtà fatta di eccellenze e di giovani talenti si rispondeva con COPES e desueti interventi assistenziali.

Il tremendo flop di Basilicata Innovazione ci ha riportato crudelmente alla realtà.

Anche se  tante  imprese lucane  avevano  la consapevolezza di dover  affrontare il nodo delle dimensioni avevano riposto nel “petrolio”  fiducia e speranza.

Giorgio Santoriello, Albina Colella, il ten Di Bello  i vari Movimenti ci informano con certosina precisione di una realtà territoriale stuprata in più punti senza efficaci controlli.

Con questi patogeni flop la rete e il sitema delle imprese lucane non possono guardare con fiducia al futuro.

La dimensione troppo ridotta delle stesse  e il mancato passaggio generazionale, con una accentuata scarsità tecnologica, non hanno prodotto quel nuovo modello economico basato sulla ricerca e sulla competitività.

Un nuovo modello che doveva portare tanta occupazione  per elevare le condizioni di civiltà delle aree interne è naufragato miseramente.

Un nuovo modello economico che doveva far  sentire i giovani lucani ,veri protagonisti,non è mai stato ipotizzato.

Un nuovo modello che doveva  finalmente  combinare ricerca, innovazione , industria e agricoltura e  che si ancorava solidamente su reali prospettive di mercato non è mai decollato.

Reali prospettive destinate  a creare effetti moltiplicatori  e a  non  entrare in crisi dopo pochi anni come avvenuto con  società in house targate Regione Basilicata non ce ne sono mai state.

Tutto questo doveva essere  possibile se si sceglieva con serietà  la grande strada della programmazione e del cicolo virtuoso della modernità senza cedere  alla spontaneità delle scelte di gruppi “capitalistici “, fuori contesto.

Per queste ragioni  la Regione dopo il 17 novembre deve indicare gli indirizzi, gli obiettivi  e le direttive entro cui si deve sviluppare la vera economia  lucana, (oggi a definitivo rischio regressione).

A tal proposito la nuova classe dirigente lucana (quella che uscirà dopo la competizione elettorale del  17 novembre) sarà in grado di  imporre alla imprenditoria autoctona  un’uscita  indolore dalle “nicchie” locali di mercato?

Sarà in grado di proiettarla verso  lo sviluppo economico nazionale nell’interesse delle giovani generazioni?. La nostra risposta è negativa.

E’ una strada di difficile percorrenza, ancora, si resiste.

Il caso Santoriello lo dimostra lapalissianamente.

C’è il rischio che prevalgano gli interessi della “polpa”, che, oggi, più di prima, rafforzano il loro potere economico, a discapito di quelle popolazioni,in primis ,la generosa “gente”  della Val d’Agri , che fanno ancora parte del ” mercato di riserva.”

Intanto sta crescendo  la consapevolezza  di uno sviluppo più equilibrato.

Una nuova  consapevolezza che mira al coinvolgimento degli  ultimi.

In un periodo fatto di di spiccato individualismo constatare che vengono  rispettati timidamente e con un po’ di ritardo gli obiettivi del DEF del 2013, ci fa tanto sperare nel futuro.

Sono lontani i tempi quando masse enormi di operai decidevano di ridurre al minimo le loro richieste di aumento salariale  per chiedere, invece, che si fossero mantenuti gli impegni sull’occupazione del Mezzogiorno e non sull’assistenzialismo fine a se stesso.

Un impegno che portava a poli di sviluppo industriali di eccellenza e di qualità.

L’ultimo esempio è stato il lontano investimento FIAT/SATA di Melfi.

Per queste serie motivazioni  il sonnacchioso movimento operaio SATA deve riprendere la strada della responsabilità non solo per confermare uno sviluppo equilibrato della regione, ma, soprattutto,  per  spingere  la nuova classe del governo regionale ad impegnarsi in forma concreta verso l’occupazione produttiva e duratura.

Occupazione mutuata da tante dosi di eccellenza,oggi,del tutto assenti.

Una classe di governo regionale  che  non  può e non deve ignorare la coscienza delle lotte sociali e sindacali degli ultimi anni per dire no a sprechi e per dire no a sperperi ingiustificati.

Il controllo sociale esercitato da un movimento operaio sensibile e motivato può essere la chiave di volta  non solo di una ricerca applicata , ma, di un vero sviluppo delle aree interne della Basilicata.

La folta presenza di tanti giovani rivenienti da un bacino di utenza che vede i piccoli Comuni della Basilicata protagonisti assoluti ci deve costringere a rivisitare il nostro  modello economico.

Un modello economico che vede la Basilicata al centro del Mezzogiorno e dell’area mediterranea.

Una regione più moderna e più cosmopolita.

Una regione che faccia sentire il “fiatone” ai parlamentari e ai  governanti” in un ritrovato  rispetto democratico e in un auspicato e degno ruolo  economico-sociale e propositivo.

Un ruolo propositivo fatto di atti e fatti cocreti, in grado di  trasferire alle nuove generazioni il concetto  innovazione e ricerca condita di  “unità e forza democratica”, capace di rovesciare il presente e di creare negli stessi  giovani  qualche sogno in più.

Spero che la serietà di tanti Movimenti in campo e  l’entusiasmo  dei giovani ricercatori alla Pierluigi Argoneto e alla Giorgio Santoriello non manchino, perchè è importante dopo tante delusioni  e tante illusioni  puntare sulla competitività per ricreare  quella fiducia che è del tutto scemata in questi ultimi mesi .

Una fiducia che possa almeno parzialmente abortire  sul nascere le fughe di tanti veri talenti lucani.

mauro.armando.tita@alice.it

85
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Il mio Paese.
Buona Notte
Il mio Paese. Buona Notte
3 giorni fa
View on Instagram |
1/9
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia".
📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina
RUVO DEL MONTE
#imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia". 📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina RUVO DEL MONTE #imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
4 giorni fa
View on Instagram |
2/9
19 Giugno 2022
‼️ corpus domini
L'infiorata lungo il Corso Italia.
Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
19 Giugno 2022 ‼️ corpus domini L'infiorata lungo il Corso Italia. Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
1 settimana fa
View on Instagram |
3/9
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv" Buongiorno.. "Questo è il mio paese"
2 settimane fa
View on Instagram |
4/9
‼️ La cultura non divide
Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen 
#scuola #cultura #story
‼️ La cultura non divide Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen #scuola #cultura #story
3 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buona Festa della Repubblica.
" il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
Buona Festa della Repubblica. " il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
4 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Prima - Dopo
Ruvo del Monte
Prima - Dopo Ruvo del Monte
4 settimane fa
View on Instagram |
7/9
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa."
Buongiorno
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa." Buongiorno
4 settimane fa
View on Instagram |
8/9
Questo è il mio Paese"
Buongiorno.
#piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
Questo è il mio Paese" Buongiorno. #piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
1 mese fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11