La classifica del Sole 24 ore sulla qualità della vita dei nostri capoluoghi

Il Sole 24 ore ci riconferma spietatamente l’ennesima  “coda”  nella graduatoria sulla qualità della vita dei nostri capoluoghi di Potenza e Matera.

Sembra di rivedere la scena del Prodi/Guzzanti fermo al semaforo.

E’ una metafora che rispecchia il tanto demoralizzante e negativo presente.

Siamo fermi, siamo immobili, siamo intolleranti  e siamo tanto, tanto indifferenti.

Viviamo di routine, fatalismo e, soprattutto, di fatua e grigia quotidianità.

Da tempo languono i grandi approfondimemti e i grandi appuntamenti propositivi.

Approfondimenti e Appuntamenti che davano un briciolo di speranza per il nostro futuro e quello dei nostri figli.

Sono lontani e ormai dimenticati i tempi legati al rinnovo della classe dirigente lucana.

Sono lontani i tempi del magnifico  Convegno “LUISS e altri” sul tema :”Generare, Selezionare e Cambiare la nuova classe dirigente”.

Un convegno che aveva  prodotto una vasta eco nell’opinione pubblica più sensibile e più critica.

Quell’opinione pubblica che non si riconosceva nei partiti, ma,  al contrario, era  tanto propositiva.

Un’opinione pubblica che non perdeva  occasione di manifestarsi, anche, sulle pagine del nostro sito e del notiziario ruvese.

Era  una grande platea che si espandeva  a macchia d’olio, che si indignava  e  che pretendeva rispetto e diritti.

Un opinione pubblica che cresceva a dismisura nell’indifferenza delle Istituzioni regionali.

Il tema più ricorrente del Convegno puntava a superare la malsana imprenditoria garantita lucana  e i nefasti risultati della 488.

Che cosa voleva dire il Convegno LUISS sul tema della competitività e sul  “decidere e rischiare” in Basilicata?

Su questo argomento abbiamo sicuramente diritti di primogenitura.

La nostra “Agenda” quella che si è caratterizzata, con  vari approfondimenti sulle migrazioni giovanili, sui piccoli Comuni,  sulle diseconomie ecc, ha sicuramente trattato, più di tutto, il tema delle liberalizzazioni e  del bieco corporativismo.

Un tema ,oggi, rilanciato, perfino, da Monti e dal costituzionalista  Prof. Ainis con il suo bel libro “Privilegium”.

Chi meglio di noi può argomentare sul  familismo amorale?

Fiumi di parole e una moltitudine di denunce della pro loco di Ruvo e del notiziario ruvese  (dal Marchese del Grillo agli “ayatollah” regionali) si perdono ormai negli abissi del cinismo lucano.

E’ un caso che in Basilicata prevalga il “Civis Marginalis”, quello che “meno sa e meno vuol sapere”.

E’ certamente  difficile avere ancora un’idea dell’interesse generale con corporazioni assatanate di potere e di privilegi senza tempo, lo hanno confermato gli atti e i fatti politici  di questi bollenti ultimi mesi.

A tal proposito, Rousseau sosteneva che l’uomo è buono per natura e che la sua corruzione comincia con la differenziazione della società e con il razionale perseguimento dell’interesse particolaristico.

Interesse particolaristico che in Italia e in Basilicata  si sono cibati di biechi privilegi e di caste secolari.

Caste secolari che non mollano di un milletro.

Pure l’Alta Corte ha sancito l’incostituzionalità di un misero prelievo ai grandi e immensi stipendi d’oro.

Stipendi e prebende che non troveranno mai una vera e concreta equità.

L’Italia dei boiardi e dei banchieri non subirà alcun mutamento.

Fa scalpore, purtroppo, il cinismo e la rassegnazione di tanti giovani studenti universitari.

Per contrasto abbiamo tanti studenti medi che scendono in piazza per i loro diritti e per la difesa ad oltranza della  scuola pubblica.

Aver per tanti anni finanziato, senza alcun serio controllo, con la 488   una ” fragile economia informale” e un  “localismo economico garantito” tutto lucano  ha creato una sorta di “blocco” che si è protratto per diversi anni, fino ai giorni nostri.

Un blocco che non ha mai creato alcun serio  “effetto moltiplicatore”.

Siamo vissuti e stiamo vivendo  con serie  contraddizioni di  mercato  che vedono, nonostante le impennate di Marchionne e la perenne CIG, ancora  la  Fiat “guidare” l’economia e il “PIL” lucano.

Un PIL che fa leva sulle “esportazioni”(ridotte al lumicino) della grande industria  e che  ha poco da spartire con il nostro serio e ignorato  “localismo” produttivo.

Localismo produttivo che si ciba sempre delle nostre piccole e medie realtà industriali ed artigianali.

Non siamo mai riusciti ad  imporre il nostro tessuto connettivo e produttivo.

Il Presidente Somma come i suoi predecessori devono rispondere su questo  “PIL drogato” e sull’assoluta mancanza di “indotto” lucano nelle aree della “Grande Industria”.

Oggi, più di prima, la tanto pluricitata agenda Giavazzi ci insegna che ” piccolo è bello”,  a condizione che prevalga talento, concorrenza e ricerca continua.

L’ultimo SOS lanciato da tanti giovani lucani  delusi e rassegnati,  va in questa direzione.

Abbiamo tralasciato una seria  politica sui  nostri prodotti di nicchia, che si sono sempre più sfaldati nel “mercato globale”.

Ora nutriamo (lo diciamo “rassegnati”… solo agli addetti ai lavori)una  residua  speranza sulla “rifondazione della nostra economia basata sulla PMI”,  con un vero sistema di trasporti, di telecomunicazioni e di ricerca”.

Dobbiamo supportare con tanta speranza salvifica  una nuova  economia di consumi non  più voluttuari e fare leva su  veri imprenditori che orientino i loro prodotti verso nuovi mercati e  concorrenza.

Solo questa nuova “metodologia”  potrà far uscire definitivamente la Regione  dalle annose questioni dell’intervento a pioggia e potrà superare i desueti  familismi e le bieche  corporazioni sempre in agguato.

Un mercato siffatto , “aperto, protagonista e vincente” potrà creare vera  innovazione  di processo e di prodotto e vera ricerca, uscendo definitivamente da un mercato precario e poco garantito per il  futuro.

E’ uno degli aspetti fondamentali e fondanti  sui quali  si misurerà, dopo le Primarie  la nuova classe politica del P. D.  e di governo  lucana nel prossimo futuro.

Riusciremo in questo intento, se, all’interno delle imprese e della società lucana, sarà avvertita l’esigenza di promuovere una nuova stagione di offerte economiche con Imprese  capaci di inserirsi  concretamente  nel mercato globale.

Imprese  capaci ,soprattutto,  di dare un taglio definitivo  alla   ricerca spasmodica di “incentivi a pioggia”  ricercando e  ritrovando,finalmente:

“Competitività, Meritocrazia  e, soprattutto,  DIRITTI”.

Diritti ormai perduti e non più ritrovati in Basilicata da tempo immemmore.

Forse, (siamo ancora ottimisti) con questi  buoni propositi riusciremo a ritrovare la nostra qualità della vita scalzando gli ultimi posti  nella graduatoria del Sole 24 Ore.

mauro.armando.tita@alice.it

116
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Il mio Paese.
Buona Notte
Il mio Paese. Buona Notte
3 giorni fa
View on Instagram |
1/9
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia".
📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina
RUVO DEL MONTE
#imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia". 📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina RUVO DEL MONTE #imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
4 giorni fa
View on Instagram |
2/9
19 Giugno 2022
‼️ corpus domini
L'infiorata lungo il Corso Italia.
Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
19 Giugno 2022 ‼️ corpus domini L'infiorata lungo il Corso Italia. Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
1 settimana fa
View on Instagram |
3/9
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv" Buongiorno.. "Questo è il mio paese"
2 settimane fa
View on Instagram |
4/9
‼️ La cultura non divide
Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen 
#scuola #cultura #story
‼️ La cultura non divide Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen #scuola #cultura #story
3 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buona Festa della Repubblica.
" il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
Buona Festa della Repubblica. " il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
4 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Prima - Dopo
Ruvo del Monte
Prima - Dopo Ruvo del Monte
4 settimane fa
View on Instagram |
7/9
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa."
Buongiorno
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa." Buongiorno
4 settimane fa
View on Instagram |
8/9
Questo è il mio Paese"
Buongiorno.
#piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
Questo è il mio Paese" Buongiorno. #piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
1 mese fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11