I giovani “democrat” tra brama di potere e modelli familiari particolari

La cruda analisi di Giorgio Santoriello sul Quotidiano del 1 settembre scorso concernente i  “giovani democrat” ripropone la mai sopita querelle sulle nuove Generazioni “Q” lucane.

Neanche un rimprovero da parte di questi giovani democrat verso la nostra  “generazione Avida”.

Neanche una scomoda domanda verso  i fautori di questo flop regionale  terrificante.

Per dirla alla Friedman: “La nuova generazione Q mi lascia molto perplesso e insieme sorpreso”.

Sorpreso perchè è molto più ottimista ed idealista di quanto non dovrebbe essere.

Perplesso perchè è meno radicale e politicamente impegnata di quando è tenuta ad essere.

Il problema ? “La generazione Q passa troppo tempo online e ciò è un male per se e per il Paese.

” Dietro questo atteggiamento qualunquista si nasconde, infatti, un futuro potenzialmente disastroso.

Purtroppo i giovani lucani non ne sono esenti e sono sempre più sonnacchiosi.

I loro buoni propositi  e le loro speranze  per governare efficacemente la REGIONE Basilicata sono del tutto evaporate dopo le dimissioni di De Filippo.

Questi giovani democrat ci “afflosciano” ancora di più.

Non hanno mai chieso progetti concreti, visibilità e trasparenza.

Si sono nutriti dei soli successi del giovane Speranza.

E’ inutile illudersi, caro Giorgio, tanti di questi giovani democrat aspirano solo a posti al sole e a “governare” gli enti sub regionali.

E’ una vera Kermesse della presunzione o è qualcosa d’altro?

Come si comporta una classe politica regionale di fronte a muti giovani democrat  “allupati” di incarichi e prebende?

Sono muti agevolati o sono caratterialmente inclini alla sudditanza.

Come si tutelano i partiti di governo e dell’opposizione da simili “invasioni barbariche” qualunquiste?

Sono queste le serie  motivazioni che ci avevano  spinto, nel recente passato, a “scavare ” in modo originale ed estemporaneo su di un “universo”  della società lucana del tutto sconosciuto.

Il primo motivo era dato da una profonda trasformazione del nostro cosiddetto “ceto medio”.

Era  improprio definirlo tale, ma, al contrario, nessuno degli appartenenti a questa categoria sociale rinunciava, tanto facilmente, a  un incarico in un qualsivoglia CdA del sottogoverno regionale.

Quali erano le vere cause che imponevano questo nuovo status?

La brama del potere o il modello lucano delle famiglie vip.

Un modello familiare  frutto delle complicità tra “caste politiche” e “imprenditoria garantita”, tra alta borghesia parassitaria e alte sfere della P.A. lucana.

Esiste, a tal proposito  un nuovo  ruolo delle mogli/madri? Non quelle descritte con tanta passione e tanto rispetto da Lucia Serino nel suo editoriale: “Il Piano B delle donne”.

In questi ultimi tempi, ci siamo chiesti se essere una buona sposa in Basilicata comporta ancora, causa vincolo matrimoniale, “nella buona e nella cattiva sorte, in salute e in malattia, in ricchezza e in povertà, sino a che morte non vi separi”, una pia e inflessibile fedeltà allo sposo o si preferisce  un ménage familiare accompagnato da  un incarico ben retribuito in un CdA.

Perchè coinvolgere le mogli in questo nuovo modello  familiare? Cosa centrano le consorti in questo baillame?

Chi ha scoperto questa nuova “categoria sociale” che si va affermando sempre più nelle coppie “vip” lucane?

Natalia Aspesi  ebbe a riferire  qualche tempo fa che, ormai, la maggioranza delle donne sposate contemporanee seguono meno  i doveri cristiani di moglie, preferendo ritrovarsi, pur, nel disonore, cariche di allegro denaro con cui vivere alla grande.

La Basilicata che si trasforma non si discosta  neanche un po’ da questo clichè  e da questa lucida analisi dell’Aspesi.

Lo stereotipo della società matriarcale  lucana “dura e pura” non esiste più.

Molti  sono  i mariti e i figli “incoraggiati” dalle rispettive mogli  e madri a formulare le domande di partecipazione ai vari Bandi  per posti al sole nei  CdA del sottogoverno lucano e nel Management degli stessi.

E’ il nuovo status-symbol del “vip” lucano. Guai a rinunciare a un Consiglio di Amministrazione.

Molte signore contemporanee lucane, amanti della mondanità, molto adulate ed invidiate, hanno acquisito un ruolo determinante all’interno del proprio nucleo familiare e spingono mariti e figli al salto della quaglia.

Siamo stati testimoni nel passato di un femminismo lucano troppo ingenuo e autoreferenziale, in cui si diceva per far pulizia dovrebbero dare più potere alle donne, che proprio per natura e per sorellanza sono più oneste; e se capitava che oneste non fossero per niente, già si diceva, è colpa della società patriarcale lucana, del padre, del marito, del figlio, insomma del maschio.

Poi, negli ultimi anni e dopo Mani Pulite e i crac Parmalat, Cirio  e dopo le SOCIETA’ delle mogli dell’inchiesta sul Centro Oli  ci siamo accorti che le gentili consorti  riescono a nascondere  pacchi di soldi nei pouf di casa o nei depositi in conti coperti come nei casi Poggiolini e Curtò o collaborare a progetti e affari  come nel caso lucano .

Questi casi sono emblematici di un mènage familiare che in Basilicata non vorremmo che attecchisca, pur, in presenza, di tanta voglia di vivere  alla Briatore.

Quanti anni luce sono distanti le mogli vip lucane con le povere derelitte di “Paterno”  e delle nostre aree interne?

Questi esempi ci devono aiutare a  prevenire  un  eventuale dilagare di nuove truffe e di falsi modelli familiari, “incoraggiati” dalle mogli/madri.

Questi esempi  ci devono aiutare  a recuperare il senso civico  della famiglia lucana.

Senso civico e rispetto per gli altri ormai  caduto in disgrazia e del tutto  assente da decenni nel modus operandi giornaliero delle famiglie lucane dedite al dio interesse.

Chiudere con le  banalità dell’odierno edonismo  e riacquistare quel ruolo consono di madre educatrice e di “faro”  per i figli.

Noi  auspichiamo, infine, per il prossimo  futuro e per le  nuove generazioni, madri e mogli, belle e seriamente  determinate nel  lavoro  quotidiano, propositive nella società civile, lontane  “dall’allegro denaro” e serie avversarie  di un vivere  lascivo, edonista e consumista.

Madri che educhino i  FIGLI vocati al rispetto genitoriale e per il prossimo e che abbiano a cuore soprattutto: ” idealismo, attivismo e indignazione”.

mauro.armando.tita@alice.it

164
0

Post Correlati

Lascia una Risposta

Categorie

Instagram

Il mio Paese.
Buona Notte
Il mio Paese. Buona Notte
5 giorni fa
View on Instagram |
1/9
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia".
📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina
RUVO DEL MONTE
#imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
Questa mattina direttamente dal "Salone del Barbiere di fiducia". 📍Museo Arte Sacra Civiltà Contadina RUVO DEL MONTE #imestieridiunavolta #ilbarbiere #salonedibellezza
1 settimana fa
View on Instagram |
2/9
19 Giugno 2022
‼️ corpus domini
L'infiorata lungo il Corso Italia.
Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
19 Giugno 2022 ‼️ corpus domini L'infiorata lungo il Corso Italia. Grazie alle volontarie e ai soci per mantenere viva la tradizione.
2 settimane fa
View on Instagram |
3/9
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv"
Buongiorno..
"Questo è il mio paese"
"ngap Ruv" Buongiorno.. "Questo è il mio paese"
3 settimane fa
View on Instagram |
4/9
‼️ La cultura non divide
Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen 
#scuola #cultura #story
‼️ La cultura non divide Il video dei ragazzi della scuola di Ruvo del Monte che hanno girato per il #certamen #scuola #cultura #story
3 settimane fa
View on Instagram |
5/9
Buona Festa della Repubblica.
" il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
Buona Festa della Repubblica. " il futuro non verrà costruito con la forza, nemmeno con il desiderio di conquista ma, attraverso la paziente applicazione del metodo democratico, lo spirito di consenso costruttivo e il rispetto della libertà " cit.
4 settimane fa
View on Instagram |
6/9
Prima - Dopo
Ruvo del Monte
Prima - Dopo Ruvo del Monte
4 settimane fa
View on Instagram |
7/9
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa."
Buongiorno
"Pensai a quanti luoghi ci sono nel mondo che appartengono così a qualcuno, che qualcuno ha nel sangue e nessun altro li sa." Buongiorno
1 mese fa
View on Instagram |
8/9
Questo è il mio Paese"
Buongiorno.
#piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
Questo è il mio Paese" Buongiorno. #piccoliborghi #fare_rete #prolocounpli #basilicataturistica #basilicatabellascoperta
1 mese fa
View on Instagram |
9/9

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie

11
11
11
11
11
11
11
11
11