Marisa Pizzirusso e Massimiliano Muscatiello coronano il loro sogno d’amore

In un insolito lunedì di inzio agosto, caldo e afoso le vite, le anime, i cuori di Marisa e Massimiliano si uniscono in matrimonio e decidono di vivere la loro vita insieme, in fondo “questo è il primo giorno degli splendidi momenti che rimangono da vivere”.

Sono le 10.30 del 06 agosto 2018, quando Marisa e Massimiliano, davanti a Don Gerardo Gugliotta, si scambiano gli anelli e si giurano eterna fedeltà e ben poco può fare questo caldo africano per scalfire il loro amore.

Marisa e Massimiliano si sono conosciuti circa tre anni fa e si sono scambiati il primo bacio davanti ad una gelateria: se questo non è l’amore più dolce del mondo poco ci manca.

L’appuntamento nella Chiesa Madre di Ruvo del Monte è alle ore 10.30, come da copione, non scritto ma consoldato, lo sposo è puntuale in Chiesa con la mamma Carmelina e la sposa è in ritardo; arriva insieme a papà Salvatore a cavallo di un bolide che fa scalo in Piazza XXV Aprile, conoscendo la passione di Salvatore per le macchine c’è da giurare di una sua richiesta per allungare il giro e da qui il ritardo, questa volta non imputabile alla sposa..forse.

La sposa entra in Chiesa, piena zeppa di invitati e non, il papà l’accompagna sull’altare e la consegna allo sposo: la messa ha inizio.

E’ bello vedere gli occhi di questi due ragazzi, innamorati, incrociarsi all’infinito durante la cerimonia, notare l’emozione dei genitori; insomma una bella scena d’amore che trova il suo epilogo in questo caldo, afoso, ma meraviglioso lunedì di inzio agosto.

Applausi scroscianti alla fine e tutti, almeno i parenti, a fare le foto ricordo: i genitori di Marisa (Salvatore ed Enza), quelli di Massimiliano (Armando e Carmelina) i testimoni (Rossella Tita, Raffaele Grieco, Anna Rita Stia e Giuseppe Pizzirusso, fratello della sposa), poi i nonni e qualche altro ancora.

Alla fine gli sposi si incammino fuori dalla Chiesa dove vengono accolti dal lancio del riso e da un palloncino a forma di cuore che viene fatto volare in cielo e lì dove i giovani sposi si scambiano i primi appassionati e complici baci da marito e moglie.

La prima passeggiata, mano nella mano, si monta sul bolide per fare qualche foto ricordo dentro il paese, mentre gli invitati vengono attesi da tre autobus che li accompagneranno fino  a Cerignola nella splendida “location”, come si dice oggi, di Torre Giulia.

Un ricchissino buffet, una pranzo da favola, balli per giovani e meno, il taglio della torta, ecc., ecc., contribuisce a rendere ancora più speciale questo caldo ed afoso lunedì di inizio agosto.

A noi non resta altro che augurare agli sposi una lunghissima e felice vita insieme.

345
0

Post Correlati

Categorie

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie