Futsal Millennium Troja – Rufria 2018 6-2: non basta un Rufria tutto cuore

A.S.D. Futsal Millennium Troja
1) Rezzolla Domenico, 0) Longo Dante, 2) Stasulli Antonio, 4) Iannelli Lorenzo, 5 ) Stramaglia Paolo Davide, 6) Novelli Mario Pio, 8) Berardi Giovanni – V. Cap., 9) Longo Dante, 10) De Luca Vincenzo, 11) Patruno Gaspare – Cap., 13) Romano Mario Pio, 69) Paglia Pasquale.

A.S.D. RUFRIA 2018
S.N.) Buonomo Mirko – V. Cap., 1) Tomasulo Vincenzo, 4) Mira Raffaele – Cap. , 6) Lanza Valentino, 7) Perfetto Ferdinando, 8) Taure Moustapha, 9) Scura Sebastian, 14) Sanneh Mamudu 17) Vodola Daniele

Marcatori: 1° tempo (4-1) 1°, 6° e 23° Patruno G. (Troja), 13° Scura S. (Rufria), 31° Iannelli L. (Troja) – 2° tempo (2-1): 4° Berardi G. (Troja), 11° De Luca V. (Troja), 19° Mira R. (Rufria)

Arbitro sig. Catino della sezione di Venosa

A.S.D. RUFRIA 2018
A.S.D. FUTSAL MILLENNIUM TROJA

Nello spelndido palazzetto dello sport di Melfi, un Rufria tutto cuore non riesce ad arginare la furia del Millennium Troja, eppure, senza mettere in discussione la vittora della squadra pugliese, iscritta nel campionato regionale Lucano, la differenza l’ha fatta la maggiore precisione in fase concluiva.

Innumerevoli le conclusioni dei nostri, ma, aimè, inquadrare la porta, così come la partita d’esordio, è una vera chimera, cosicchè il Troja sfruttando quasi tutte le opportunità porta a casa l’intera posta in palio lasciando il Rufria al palo, ancora a zero punti dopo due giornate.

Il Rufria sempre con i giocatori contati, si spera in settimana di recuperare qualcuno, con il neo-mister Michele Ricciuti, che ha diretto un solo allenamento, a cercare di limitare i danni.

La risposta in campo dei ragazzi in campo c’è stata, hanno buttato nella mischia il cuore, l’orgoglio, l’anima, per difendere i proprio colori, fino all’ultimo secondo: rimproverare qualcosa sarebbe veramente poco elegante.

Il Troja scende in campo con Rezzolla, Novelli, Berardi, Longo e Patruno, il Rufria risponde con Tomasulo, Mira, Vodola, Lanza e Scura; l’inizio è da incubo e nelle prime incursioni, al 6°, i nostri si ritrovano sotto di due reti, una doppietta di Patruno, prima rete su un fortunoso rimpallo sottoporta ed il secondo con un secco diagonale dalla distanza.

A questo punto si potrebbe ipotizzare un crollo verticale invece il Rufria prende le misure al più forte avversario e comincia a giocare fino ad accorciare le distanze con Scura con uno spendido diagonale che lascia di stucco l’incolpevole Rezzolla, siamo al 13°.

Dieci minuti di pressing che portano, come detto, solo ad innumerevoli conclusioni del Rufria, tutte fuori bersaglio, e quando il Troja decide di accelerare eccoci che prima della fine del tempo, 23° ancora con Patruno e 31° con Iannelli, il risultato viene messo in frigo: si va al riposo sul 4-1.

Il secondo tempo inizia come il primo, due reti nei primi dieci minuti, Berardi e De Luca, portano il risultato sul 6-1, eppure in campo tutta questa differenza obbiettivamente non si vede, ma va così.

I Rufria non si abbatte più del lecito e mette in campo l’unica arma possibile per oggi, il cuore, fino alla fine le tenterà tutte e riesce a rendere meno amara la pillola con la rete del capitano Mira, 19°, che fissa il risultato sul definitvo 6-2.

Partita correttissima, ottimo arbitraggio, quello che vorremmo vedere ogni giornata.

Alla prossima

GALLERIA FOTOGRAFICA

368
0

Post Correlati

Categorie

Spot Proloco Ruvo

Archivi

Le nostre Nuove Storie